back to » artisti

Raffaele Bova

Nato a Frignano nel 1946, ha da sempre operato per un contributo culturale per la crescita civile della sua Terra d'origine. Infatti, dal 1976 al 1979, è stato tra i fondatori del "Collettivo Linea Continua - Terra di Lavoro"; un gruppo di artisti molto conosciuto in Campania e in Italia.
Con la Biennale d'Arte Contemporanea di Venezia, su invito dei curatori dell'evento per il Padiglione Italia 1980, Raffaele Bova ha acquisito una notorietà d'importanza Internazionale. E' da sottolineare che, per quella Edizione della Biennale, è stato segnalato per il premio speciale "Il tempo del Museo - Venezia 1980" e l'opera con la quale ha partecipato, è entrata a far parte dell'Archivio Storico della Biennale.
Seguito con attenzione dal critico d'arte Enrico Crispolti, Raffaele Bova ha spesso rivolto il suo interesse agli aspetti ecologici e ambientali, con opere che esprimono una tematica di denuncia contro l'inquinamento e la distruzione dell'ambiente. Nel 1974, a tale scopo, organizza una mostra a Caserta che ha avuto per tema la "N. U. (Nettezza Urbana)".
La mostra "Terra dei fuochi e sole - fuoco, fumo, cenere e pizza", è una Installazione che l'artista ha ideato per l'Arte/Studio - Gallery di Benevento

 
Bova, il pittore che trasforma in quadri numeri e codici fiscali    di Franco Tontoli

 

 

 

Installazione e Performance
ozio_gallery_nano
Ozio Gallery made with ❤ by joomla.it