Background Image
Table of Contents Table of Contents
Previous Page  19 / 22 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 19 / 22 Next Page
Page Background

18

Rosario Pinto

ASTRATTISMO TOTALE

_

febbraio del 2014

testo scritto per la collettiva “Prmo Vere”

all’ARTE/studio - Gallery di Benevento

Mario Lanzione

ASTRATTISMO TOTALE

un percorso artistico tra materia e geometria

testo critico di Rosario Pinto

manifesto della mostra personale – maggio 2008

galleria “Rosso Fenice” di Benevento

Nelle dinamiche della creatività propriamente

disposta lungo il gradiente dell’abbandono

dell’immediata referenza epifenomenica si suole

definire come indiscriminatamente ‘astratta’ qualsiasi

produzione risponda alla caratteristica saliente di non

offrire alcuna sponda alle sensibilità ‘oggettuali’.

Occorre osservare, di contro, che la dimensione

‘astratta’ giova, piuttosto, a dare risposta non solo al

tema della frattura con la dimensione ‘oggettuale’ ma

soprattutto a dare consistenza all’esigenza di

un’’oggettività’ altrimenti in evaporazione e che

richiede, invece, di perimetrare il campo di un

rapporto organico col reale epifenomenico al di là

della sua apparenza congiunturalmente riconoscibile.

Astrattismo, pertanto, non è mero sinonimo di

aniconicità, quanto espressione, piuttosto, di un

riconoscimento delle strutture profonde del reale,

quelle al cui disvelamento l’Astrattismo, appunto,

contribuisce, procedendo ad estrapolare dalla

contingenza epifenomenica la

ratio

sottesa che ne

costituisce lo statuto.

Deve fare i conti, però, l’Astrattismo, anche con la

dimensione propriamente ‘materica’ del reale

fenomenico, per non rischiare di far ripiegare in mera

‘astrattezza’ un progetto che invece richiede di

costituirsi in producente ‘astrazione’.

La dimensione geometrica, che è la più matura

espressione del disvelamento ‘astrazionistico’ si

confronta, allora, con la dimensione ‘materica’ e ne

nascono delibazioni creative che si iscrivono

nell’alveo delle consistenze ‘astratto-informali’.

In tale grande ambito produttivo, che costituisce una

temperie di notevole dilatazione spaziotemporale,

abbracciando uno sviluppo d'impegno che si distende

dal decennio degli anni Venti, fino ai nostri giorni, si