Background Image
Table of Contents Table of Contents
Previous Page  14 / 22 Next Page
Information
Show Menu
Previous Page 14 / 22 Next Page
Page Background

13

Mostra “Controventi Mediterranei 2”

Cantalupo nel Sannio (Isernia) – agostp 2013

Opere di Cotroneo e Salzano

Mostra “Controventi Mediterranei 2”

Cantalupo nel Sannio (Isernia) – agostp 2013

Opere di Lanzione

di Castello (Pg), l’Expo-Arte di Bari e l’”Arte Studio –

Gallery” di Benevento. In questo percorso, l’idea di

“fondere” la materia con la geometria attraverso un

linguaggio “razionale/Irrazionale”, si è unificato e

consolidato in una cifra che i tre artisti intendono

continuare a sviluppare nella loro ricerca comune.

L’Astrattismo Totale non è la “contrapposizione” o la

“continuazione” del geometrico o dell’informale ma è

l’armonizzazione di tutte le esperienze racchiuse tra

questi due filoni. E’ un linguaggio aniconico che amplia i

concetti dell’arte astratta, li rinnova e li sintetizza in una

nuova versione che è, al tempo stesso, geometria e

materia - istinto e ragione - segno luce e spazio.

Cotroneo, Lanzione e Salzano mirano ad esprimere

soprattutto i valori umanistici ed esistenziali dentro e fuori

la realtà. Attraverso l’Astrattismo Totale i tre artisti vanno

alla ricerca dell’essenza della vita, non rivolta all’uomo

come individuo ma come presenza intellettiva

nell’estensione dell’Infinito, ove concorrono tutte le realtà

possibili. Al di là di ogni inizio e di ogni fine,

nell’indefinibile dilatazione temporale che non si può

indicare con dei confini, l’Umanità è l’elemento attraverso

la quale si può tracciare un segmento di vita. In questa

visione, l’

homo sapiens

diventa la coscienza stessa

dell’Universo i cui margini si possono raggiungere e

tracciare mediante il “pensare” e il “ricercare” della mente

umana. E’ in questo “infinito” che Cotroneo, Lanzione e

Salzano trovano quella “dimensione spazio/tempo -

pensiero umano” come elemento centrale tra lo spazio

formato dalla luce e dalla materia in rapporto alla

sensibilità e la spiritualità dell’uomo.

Se lo spazio la luce e la materia sono gli elementi primari

del Creato, l’essere umano, oltre a far parte integrante di

tutto questo, è anche creatura “sensibile” e “mente

pensante” che può arrivare a dimostrare l’origine di tutto.

Nello spazio infinito, i riferimenti dell’estensione

dell’universo sono i Corpi Celesti che generano e

irradiano energia luminosa permettendo di percepire

confini e identificare masse di materia. Quella stessa

materia che, componente primaria anche dell’uomo,

nella sua continua metamorfosi, crea e distrugge,